martedì 27 dicembre 2016

Non ti fidi di chi non ti guarda negli occhi?


"Le hanno insegnato a diffidare delle persone dallo sguardo sfuggente. E così lei è diffidente anche nei suoi riguardi, non  crede a quello che lei dice.
Mi pare che questo giudizio sia uno dei più sciocchi e superficiali. C'è chi parlando non guarda in faccia l'interlocutore perchè è timido, insicuro (e non mi risulta che ci sia parentela tra timidezza e ambiguità). C'è chi parlando ha bisogno di concentrarsi e trova più facile farlo guardando nel vuoto che fissando uno sguardo. A me capita di guardare negli occhi dell'interlocutore se parlo di cose trascurabili, oppure se affronto argomenti non trascurabili, oppure se affronto argomenti non trascurabili, ma di cui mi sento padrone. Capita a volte, discutendo, che affronti un tema per la prima volta, o per lo meno che lo metta a fuoco in quella circostanza. In questo caso, prima che all'interlocutore parlo a me stesso e mi riesce più facile seguire il filo del pensiero a occhi chiusi oppure a occhi aperti che però non guardano nulla."